Dracunculidae della Guinea, ecco la terrificante rimozione del parassita

In questo video vedremo un pericoloso parassita che attacca l'essere umano semplicemente bevendo dell'acqua contaminata da copepodi (piccoli crostacei) del genere Cyclops a loro volta infestati dalle larve di D. medinensis.

Vedrete come sia davvero facile e pericoloso essere contaminati dal verme della Guinea, il suo ciclo di vita avviene all'interno del corpo umano, per essere precisi nella cavità addominale oppure penetrano nei vasi linfatici dello spazio retro-peritoneale. Il verme della Guinea dopo che cresce diventa adulto e dopo l’accoppiamento i vermi si spostano nel tessuto sottocutaneo verso la superficie della cute. Dopo 365 giorni circa da quando occupano il corpo del povero malcapitato, la femmina ha raggiunto le sue dimensioni finali, quindi inizia a produrre una sostanza tossica che provoca la formazione di una bolla cutanea, che ahimè si forma normalmente sul piede. La bolla poi si rompe e la ferita crea parecchio bruciore e dolore localizzato.

Il malcapitato cerca immediatamente un pò di pace dal dolore bagnando la parte infetta nell’acqua, in questo modo la femmina del verme della Guinea emerge dalla ferita con la sua estremità caudale e rilascia un liquido del colore del latte in cui sono contenute migliaia di larve, che andranno poi a contaminare l'acqua in cui si disperdono, in questo modo ricomincia il ciclo di vita di questo parassita. Per fortuna oramai questo pericoloso ma non mortale parassita sopravvive solo nel Golfo di Guinea e del Sahel, lo si può trovare anche nella penisola arabica e in alcune zone del subcontinente indiano. Insomma questo tipo di parassita cresce e si contrae in quelle zone semi-aride, con scarsa disponibilità di acqua potabile. Inoltre il contagio è stagionale e avviene solo nella stagione secca e nelle regioni più umide, quando l'acqua scarseggia, e nella stagione delle piogge nelle zone desertiche, quando l'acqua è disponibile.

Nel video viene spiegato passo passo la vita di questo bruttissimo parassita che non porta alla morte del malcapitato ospite, e viene spiegato agli abitanti di quei paesi come stare attenti a questo verme, come prevenire l'infezione e come curarla se nel caso si contrae questo parassita chiamato Dracunculidae della Guinea.
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!