Donbass (Ucraina), genocidio

Da Eleuniverso, canale informativo contro la guerra e la violenza e che tenta di divulgare un'informazione corretta al riguardo, ha pubblicato il 16 luglio 2014 questo video tratto da una campagna di #SaveDonbassPeople, "salva il popolo del Donbass dall'esercito ucraino". Ci troviamo come inermi di fronte a un terribile massacro, l'attuale genocidio nel Donbass (nell'est dell'Ucraina), per mano dell'esercito ucraino.

Petro Poroshenko, il nuovo presidente dell'Ucraina aveva promesso che ci sarebbero stati "pace e ordine". In che modo però? Uccidendo gli oppositori al Governo di Kiev, in quanto a suo parere bisogna eliminare tutti quelli che protestano nel Donbass. In luogo dell'operazione 'anti-terrorismo', ebbe inizio l'operazione punitiva. Al referendum dell'11 maggio 2014 riguardante lo statuto del Donbass, facente parte dell'odierna Ucraina, la popolazione di Donetsk aveva votato in maggioranza assoluta per l'indipendenza. Kiev aveva però dichiarato che l'affluenza alle urne era di poco superiore al 30%. Anche di fronte a questi bassi dati statistici, si tratta sempre di oltre un milione di persone.

Dopo gli attacchi armati e i bombardamenti del 26 maggio 2014 sull'aeroporto di Donetsk, i leader dei Paesi Occidentali non solo non hanno condannato l'aggressione del Governo di Kiev, ma hanno anche chiamato gli interventi dei militari come 'limitati'. Tutte le persone massacrate, in diversi episodi e a più riprese, "26 maggio attacco dei missili a Donetsk", "bombardamenti su Slavyansk, zona residenziale", "2 giugno attacco aereo a Lugansk", etc., sono considerate dal Governo di Kiev come dei terroristi. Queste persone sono uccise perché non vogliono vivere nello stesso paese assieme ai neonazisti! "Questo sarebbe il trionfo della 'democrazia' ucraina?".

Autore eclidor
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!