Massimo "Miki" Biasion - Tecniche di guida: I Guadi.

I guadi sono tra i passaggi più spettacolari nel mondo dei rally, pero i guadi stranamente a differenza di quanti pensano sono molto pericolosi, e in più puoi trovare delle sorprese veramente cattive per gli equipaggi e i concorrenti, innanzitutto bisogna distinguere i guadi, perché non sono tutti uguali ci sono vari modi di affrontare un guado e bisogna appunto distinguerli, in base alla profondità dell'acqua e in base alla lunghezza dello specchio d'acqua che si deve attraversare, se un guado e profondo e inutile entrarci ad altissima velocità perché la vettura entrando in acqua alza un'onda abbastanza alta e questa acqua entra nelle feritoie del cofano e nel 90% dei casi anche se la macchina e super preparata e super sistemata per determinati eventi di sicuro dell'acqua, dell'umidità va a finire nel motore e il motore si può spegnere quindi i guadi molto profondi bisogna affrontarli lentamente e farli in accelerazione perché cosi si tiene un po alto il muso, la parte anteriore della vettura e l'acqua tende a non entrare e salire sul cofano e quindi bagnare i motore, certe volte succede che addirittura entra dalle feritoie sotto i tergicristalli e i piloti si bagnano completamente i piedi e le gambe dentro all'abitacolo, Invece i guadi l'acqua relativamente alta quindi abbastanza bassa specialmente se sono molto lunghi vanno affrontati in piena velocità in modo da creare aquaplaning, la vettura ad alta velocità il pneumatico e la protezione del motore nella parte inferiore dell'automobile scivolano e tengono l'auto alta dal peso dell'acqua e quindi si riesce ad attraversare il guado ad una velocità molto alta quasi come un effetto planante un effetto motoscafo logicamente durante l'aquaplaning il pilota non ha nessun controllo della vettura e bisogna entrare con le ruote dritte e con la macchina in direzione del rettilineo, perché se uno entra o con le ruote storte o il guado e leggermente in curva di sicuro la macchina parte per la tangente ed esce di strada o attraversa il guado e in uscita probabilmente non e più sulla strada ma sui bordi o sul prato, quindi nell'acqua profonda bisogna rallentare entrare in acqua lentamente e fare l'uscita del guado in accelerazione e nell'acqua bassa e con una certa lunghezza dello specchio d'acqua bisogna entrare ad alta velocità in direzione d'uscita perché durante l'aquaplaning non si riesce a fare nessuna correzione della direttoria.
Autore Jacko4
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!