Morte Eterna - Urla dall'Inferno, Siberia e caso Dimitri Azzacove - Comunismo Ateo

Lungo tutti i secoli e per diverse testimonianze, com'è il caso nel XX secolo appena trascorso di santa Faustina Kowalska, dei tre pastorelli di Fatima, o di altri ancora, alcuni han visto l'Inferno come Visione Ricevuta dall'Alto oltre che per emendare se stessi perché si desse Monito e Avvertimento a tutti che esso esiste e aver così modo tutti anche di correggersi e tornare sui propri passi e A Dio dalle deviazioni intraprese nella propria vita a rischio di morte perenne ed eterna dell'anima nel fuoco infernale, che brucia ma non consuma, (Mc 9,48). … E c'è poi chi l'Inferno l'avrebbe intravisto 'fortuitamente' sentendone fuoriuscire con le proprie orecchie le agghiacciate grida di terrore dei dannati.

Questi ultimi 'protagonisti' della vicenda pare siano scomparsi con la notizia, menomale non nella cavità mostruosa che si trovarono spalancarsi sotto le loro attrezzature meccaniche, ma purtroppo insieme ai soldi che avrebbero ricevuto dal Governo Sovietico in cambio di mai più parlare di quanto avevano 'loro malgrado' scoperto. Notizia che risale a non molti anni or sono del 1983, secondo cui un gruppo di ricercatori, che non cercava certo l'Inferno ma era impegnato in una spedizione per il rilevamento dei movimenti delle placche sotto la superficie terrestre, attrezzato di tutto punto, si spinse nelle ricerche fino ai 14 kilometri e rotti di profondità per condurre le trivellazioni in atto nel vasto territorio russo della Siberia.

A quel punto di profondità, le trivelle, incontrata una cavità, cominciarono a girare a vuoto, e un diavolo si sarebbe sentito 'disturbato' uscendo dal buco per sparirsene in tutta fretta emettendo uno strido bestiale. Qualcuno dei geologi se ne scappò pure dalla paura altrove, altri vollero capire di cosa si trattasse. Fu così che invece di registrare i movimenti delle placche nel sottosuolo, costatarono che quanto si stava rilevando provenire da quel luogo erano strazianti urla umane a milioni che si accavallavano le une sulle altre a più finire.

Nel video il riepilogo della vicenda insieme alla registrazione dei "suoni da incubo" che fu compiuta dai geologi.

Giornali finlandesi e norvegesi riportarono la notizia. "Baerum Budstika", giornale norvegese, così titolava: "Ricercatori registrano le urla dei dannati", mentre le foto ritraevano la piattaforma di perforazione adoperata insieme al geologo russo Dimitri Azzacove, il quale, dichiaratosi comunista ateo nell'intervista, ammise di poter credere almeno nell'Inferno dopo quella scoperta che li sconvolse. Dai rilevamenti e quanto accaduto, … "siamo assolutamente convinti, disse allora, che abbiamo perforato le porte dell'Inferno". Le sue dichiarazioni di scienziato terminavano dicendo: "IL Mondo ha il diritto di sapere".

Chiaramente le trivellazioni furono sospese. Inoltre "gli ufficiali sovietici rifiutarono di commentare il rapporto", lì per lì, così come in seguito, senza comunicarne più notizia.

Secondo alcuni resoconti su quell'imbarazzante episodio e interviste rilasciate dai sismologi presenti in quella spedizione, oltre al nome del russo Dimitri Azzacove risaltava anche quello del geologo norvegese Bjarne Nummendal. Quest'ultimo, in un'intervista alla testata giornalistica norvegese "Budstikka", dichiarò di essergli stato intimato dai sovietici di zittire l'ambasciatore russo incaricato di portare la notizia, fino l'Unione Sovietica a minacciare di morte l'intera equipe di geologi se avesse dato divulgazione della scoperta. La minaccia di morte fu aggravata da ingenti offerte di denaro, il tutto al fine di così destabilizzare e ridurre al silenzio tutti i ricercatori coinvolti nella faccenda. Nummendal parlò di situazione irreale e panico generale diffusosi tra i sovietici. … Di un via vai di ambulanze che cominciarono a passare quella stessa notte per sedare tutti i presenti con forti calmanti.

L'Inferno nelle profondità della Terra, in fondo neanche a moltissima distanza da dove poggiamo i piedi or ora, avrebbe l'aria di essere un qualcosa di inaspettatamente terrificante ancor più, o di quasi 'incredibile'. Non tanto però, se proviamo a leggere Le Sacre Scritture. Nel Libro Dell'Apocalisse al capitolo 9 ai versetti 1-2 si parla del pozzo dell'Abisso sulla Terra. Nelle Apparizioni Di Fatima (1917) La Santissima Maria Vergine Mostrò ai tre fanciulli l'Inferno. … Portate in avanti Le Candide Mani, Dai Raggi Di Luce Che Ne Uscirono in direzione verso Terra, come a 'proiettare' dalle profondità di essa, sul suolo davanti ai tre bambini dove si trovavano in quel momento, essi videro quella spaventosa Visione.

Dato di fatto, … che motivo avrebbe avuto un comunista e ateo dichiarato, autore delle registrazioni nel sottosuolo, a inscenare un caso del genere? Sarebbe del tutto controproducente o senza senso. E i suoi compagni? Almeno undici di loro furono ritratti nelle foto sul notiziario dell'atroce scoperta. Tutti messi 'spavaldamente' a tacere? Con evidenza delle dichiarazioni che trapelarono dallo stesso geologo russo Dimitri Azzacov, il fatto si profilava molto più controproducente per l'intera Russia e un Comunismo ancora piuttosto 'vivace', tanto ampiamente e caparbiamente con tanta forza di coercizione diffuso fino allora. … D'altro canto la storia ci riporta una Russia di quegli anni ferita ancora gravemente se non pericolosamente dalla piaga comunista che mai avrebbe fatto passare una realtà del genere, scioccante quanto sconcertante rispetto ai valori che essa andava propinando. Piuttosto, al suo comando, un'autentica coltre di silenzio avrebbe zittito le testimonianze e insabbiato le coscienze nell'ambiente ateistico tanto furbescamente e coercitivamente diffuso che ormai vigeva lì come ovunque possibile.

Stando alle affermazioni shock dello scienziato russo e autodichiaratosi ateo e comunista, neanche sarebbe possibile poi credere solo all'Inferno escludendo al contempo la realtà del Paradiso, perché se non ci fosse Quest'Ultimo, neanche l'Inferno avrebbe motivo di esistere, … dato che se l'Inferno esiste, è proprio perché Lucifero, e tutti gli angeli decaduti come lui, si ribellò Alla Bontà Di Dio e fu Scacciato Dal Cielo. Come d'altronde poi, sempre per lo stesso motivo, non ci si potrebbe neanche ridursi a credere alla sola esistenza del Paradiso, così arrischiandosi in presunzione di Tal unica possibile meravigliosa 'Sorte', Che sarebbe quanto dire sennonché esclusivamente confidando e unicamente affidandosi Nel Buon Dio Misericordioso, Che Gesù Cristo Svelò, Incarnandosi proprio e difatti per nostra Salvezza.

Nella parabola di "Lazzaro e il ricco epulone" (Lc 16,19-31), oltre allo stato d'irreversibilità da una condizione all'altra, da quella di Morte Eterna dell'anima a quella di Vita Eterna del Paradiso, ai versetti 30 e 31 si evince anche il grave risultato dell'ostinazione nel proprio ego. Quando, all'insistenza del ricco epulone finito tra i tormenti delle fiamme e che domandava se qualcuno di là portasse almeno notizia ai suoi perché non facessero la stessa sua fine, fu risposto che se costoro non ascoltavano gli stessi profeti che Dio Mandava, neanche uno che resuscitava dai morti li avrebbe persuasi. … Tanto di coccio e intenti nelle proprie cose.

Quale che sia la realtà più comoda da pensare, a tutt'oggi non mancano occasioni Offerteci Dall'Alto per riflettere sulle Realtà Eterne, senza che IL Signore IDDIO ce ne abbia mai fatte mancare a soccorrere le nostre debolezze e incredulità, perché Tutto Ciò Che Desidera E' solo La nostra Salvezza. Fino a che Egli Farà Cielo e Terra nuovi, dove incantatori, come corrotti e pervertiti, e ogni immoralità e nefandezza, non avranno più posto se non nelle fiamme dell'Inferno assieme ad atei, superstiziosi, e bugiardi. (Ap 21,1-8).

Nel Diario di santa Faustina Kowalska (scritto tra il 1934 e il 1938, negli ultimi anni della sua vita) l'allora suor Faustina scrisse la Visione che ebbe dell'Inferno per Volere Divino, annotando di averLa Ricevuta perché nessuno abbia a giustificarsi dicendo che tal luogo non esiste o che nessuno ci sia mai stato, inoltre costatando che la maggior parte delle anime che vide in quel putrido abisso infernale erano di quelli che non volevano credere che l'Inferno stesso esista.

L'estratto in video dalla registrazione delle grida è di poco più di un minuto nel video, quanto è terrificante se si pensa che le urla non termineranno con il finire del nastro degli undici scienziati, ma dureranno per l'Eternità.

Classico di Satana lavorare nascostamente e con l'inganno, … successe così che a quella vicenda delle trivellazioni in Siberia, oltre il Comunismo Ateo a voler disinformare sull'argomento, si aggiunsero i riluttanti ALLA Parola Di Dio, Che Parla chiaramente dell'esistenza dell'Inferno, a voler spegnere la notizia come falsa, e gli stessi atei che il Comunismo formò alla sua scuola di pensiero di militanti senza scrupoli e senza Dio.

Autore eclidor
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!