Nell'acqua il segreto di Castel del Monte - Voyager

E' uno dei monumenti simbolo della Puglia e dell'Italia intera, che lo ha celebrato anche su una delle sue monete dopo l'adozione dell'euro. Castel del Monte, l'edificio dalla pianta ottagonale che sorge come una corona sul colle che domina la città di Andria, è un luogo che affascina il visitatore. Per la sua bellezza, ma anche perché, nonostante i numerosi studi effettuati, messuno è mai riuscito a capirne la funzione.

Innumerevoli le ipotesi sulla sua funzione e sulla forma concepita, pare, direttamente da Federico II, grande studioso, appassionato del Medio Oriente e di esoterismo. Il castello ha forma ottagonale, con un cortile interno ottagonale, otto torri, ai vertici, anc'esse ottagonali. Ed il numero otto si ripete molte volte nelle sue proporzioni. Tanto anche qualcuno ha ipotizzato potesse essere un grande congegno matematico. Altri, l'hanno messo in relazione con i templari, ipotizzando che al suo interno fosse stato conservato il Santo Graal.

Certamente, la sua struttura non agevolava le funzioni difensive, basti pensare all'assenza di un fossato o alla forma delle feritoie, che non consentivano di scagliare dardi ai nemici in basso. E del resto, la zona era ampiamente fortificata dai castelli svevi che sorgono sulla costa.

Alcuni studiosi, sulla base delle ricerche effettuate sulle pietre originali rimaste, ipotizzano che si trattasse di un gigantesco hammam, il complesso termale in uso presso gli arabi. In effetti, il castello è dotato di un particolare sistema idrico, in grado di canalizzare le acque piovane, ma anche di attingere l'acqua che si trova, a grande profondità, nelle viscere della collina. E poi, le canalizzazioni dell'aria consentivano la creazione di ambienti caldi alternati ad ambienti freddi.

Autore maxsbard
Vota questo articolo
Il video e l'immagine di anteprima sono proprietĂ  del canale Youtube Ubaldo Occhinegro. Nel nostro blog vengono solamente incorporati tramite tag iFrame.
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!