Peugeot 306 Gti - sound

Scarico Gr.N, alberi a camme,assetto e alcuni accessori giusti rendono la mitica Peugeot 306 GTI una vettura tutta da guidare. Il suo 2 litri 16 v ruggisce ancora e tiene alta la bandiera di un marchio storico come Peugeot, legato da sempre con i rally e alla pista. Peugeot e i rally hanno rappresentato per decenni un connubio praticamente indissolubile, una lunga epoca segnata da vetture sportive che hanno vinto praticamente tutto. Tornando indietro di qualche anno, possiamo trovare nella 205 la capostipite di questa avventura culminata con la sublime 205 T16 che partecipò e vinse anche nel Gruppo B. In seguito le prime versioni rallye con il 1.3 8v regalano agli appassionati e agli stessi team una vettura praticamente da gara, su strada. Il passo successivo fu la presentazione dei modelli GTI, più curati e accessoriati ma sempre dannatamente efficaci tanto su strada quanto in pista. Cosi negli anni '90 troviamo una prima 306 denominata S16 dotata del 2 litri da 155 CV, e nel 1998 la GTI e la Rallye che con il cambio a sei marce giunse alla soglia dei 167 CV a 6,500 giri/min. Salire a bordo di un'auto del genere evoca sensazioni sconosciute al giorno d'oggi. Niente elettronica, solo motore, freni e telaio per un'esperienza di guida vera, senza filtri. A guardarla oggi la 306 GTI sembra quasi una tranquilla "berlina", ma negli anni '90 quelle linee così morbide e "tranquille" hanno tolto il sonno a parecchie persone. Stiamo parlando di un'epoca in cui le auto bianche non erano quelle "fighette", ma si associavano direttamente al mondo del rally.
Autore Jacko4
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!