Rosario per la Vita, Dono Di Dio - Aborto, abortisti e pro-Life, dott. Bernard Nathanson

Chi ha deciso per tanti bimbi che non dovessero nascere? Chi ha deciso per chiunque già nato e pasciuto che invece potesse nascere? Qualcuno si è preso la briga, la Vita, Gran Dono Di DIO, volerla solo per se. Chi decide l'aborto sceglie di uccidere, pensando la Vita di 'assaporarsela' lui solo. Con orridi forcipi, pinze e tenaglie consegna gli infanti nascituri al massacro.

Chicago, Stati Uniti. Maggio 2011. Eventi pro-Life (a favore della Vita) prendevano il via per le strade tra gli alti grattacieli col lancio della gigantesca corona deL Rosario fatta di palloncini pronti a volare verso il Cielo insieme alle preghiere per i nascituri e le loro madri perché possano ricevere e affrontare il lieto evento con amore. Negli anni precedenti, già la sola Chicago registrava gli oltre 50.000 aborti l'anno.

Gialli palloncini assemblati nella dolce catena a unire i bambini in Terra con quelli in Cielo che non arrivarono a vedere la luce, 'gridano' l'inno alla Vita con la voce delle Marce pro-Life di lì susseguitisi dalle strade di Chicago fin a tutti gli Stati Uniti, e anche oltre. Tanti palloncini, con impresso il grido alla Vita, Vita, e ancora Vita (Life), aprono in raccolta veglia la preghiera Alla Santissima, Madre delle madri e di tutti i bimbi, Maria. Dinanzi alla clinica per aborti di Chicago, come ve ne sono ovunque nel mondo, dove si esegue in stile Auschwitz il massacro di vite con orripilante 'lucidità'. Sullo sfondo di un autentico cartello industriale progettato per l'aborto, iniziavano a farsi sentire in cosiddetti 'flash mob' o bagliori di massa le voci a difesa della Vita contro la lobby massona di propaganda abortista.

Ogni essere umano è unico e irripetibile. Quand'anche tentino o vogliano fabbricare 'pezzi uguali' o 'cloni', nessuno potrà mai eguagliare La Grandezza Di Dio, Che Ama di fatti tutti e ciascuno indistintamente nell'unicità delle Sue creature Create.

Alla rigogliosa America degli anni novanta, Papa Giovanni Paolo II disse che l'ultimo test alla sua grandezza sarebbe stato il modo con cui avrebbe trattato ogni essere umano e soprattutto i più fragili, inermi e indifesi. Perché, così disse, è la stessa Vita che va difesa dove a volersi sono giustizia uguale per tutti, vera libertà e pace duratura.

A seguire nel video, le rivelazioni di un noto ginecologo statunitense, ex abortista e aborzionista, Bernard Nathanson, che dopo aver eseguito il suo ultimo aborto nel 1979, si dichiarò a favore della Vita. Nel 1984 nel filmato shock da lui realizzato, "IL grido silenzioso" (The Silent Scream), mostrò attraverso uno spettrogramma le immagini di un nascituro nel grembo materno mentre indietreggiava di paura e si ritraeva dagli attrezzi usati da un aborzionista. La cruda realtà dell'aborto, mostrata sotto forma di reportage-documentario, ebbe un impatto rilevante nel dibattito sull'argomento, e gli valse l'indignazione degli aborzionisti suoi ex-colleghi. Nathanson aveva già anche pubblicato una serie di libri autorevoli, tra cui "L'America che abortisce" (Aborting America), scritto nel 1979, in cui espose gli inizi ingannevoli e disonesti dell'industria pro-aborto. Nella sua autobiografia del 1996 "La Mano Di Dio: Viaggio dalla Morte alla Vita" (The Hand of God: A Journey from Death to Life), disse che la visualizzazione delle immagini attraverso la nuova tecnologia a ultrasuoni degli anni settanta lo convinse dell'umanità del nascituro. Profilando l'enorme sfida di restaurare un'Etica pro-Life, scrisse: "L'aborto è oramai un mostro di dimensioni talmente inimmaginabili che persino pensare di ricacciarlo lì donde uscì ... è ridicolo oltremisura. Tuttavia questo è il nostro compito, di sforzo erculeo". Già nel 1974, in un articolo del "New England Journal of Medicine", il dottor Bernard Nathanson descrisse le sue crescenti difficoltà mediche e morali sull'aborto, dicendo di essere profondamente turbato dalla sua sempre maggior certezza di aver in realtà presieduto alla morte di allora sessanta mila persone. Per oltre un decennio dacché divenne favorevole alla Vita, si descrisse come un "ateo ebreo". Nel 1996 divenne cristiano cattolico. Morì nel febbraio 2011, all'incirca due mesi prima che le famiglie cattoliche si riunissero presso la clinica per aborti di Chicago per affrontare il dragone mostro dell'aborto con L'Aiuto Di Dio Per Le Mani Della Santissima Maria Vergine.

Disse santa Teresa di Calcutta: "E' una povertà decidere che un bambino debba morire di modo che tu possa vivere come più ti piace".

Autore eclidor
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!